logo

L’azienda Carpineto

Tutto ha inizio nel 1967.

Carpineto nasce nel 1967 nel piccolo comune di Dudda all’interno del comune di Greve in Chianti. È fondata da Giovanni Carlo Sacchet e Antonio Mario Zaccheo che spinti dalla forte ambizione di produrre un Chianti Classico di altissimo livello qualitativo, decidono di iniziare questa grande avventura.

Storia

Sin dall’inizio i due si mostrano molto sensibili alle tecniche agricole innovative come: l’accurata selezione dei siti per nuovi impianti, la selezioni dei cloni ma anche un’agricoltura fortemente orientata alle basse rese. 

Anche sul fronte enologico risulteranno essere pionieri di tecniche all’avanguardia – che segneranno l’enologia dell’era moderna – come la fermentazione malolattica controllata, l’utilizzo di lieviti indigeni, le macerazioni a freddo e carbonica e gli affinamenti in barrique. Il risultato dell’applicazione di queste nuove tecnologie porterà Carpineto a produrre dei vini di grande spessore, apprezzati dall’intera critica enoica mondiale. 

Per esempio, nel 1994 all’IWSC di Londra il Chianti Classico Riserva, il Vino Nobile Riserva e il Farnito Cabernet Sauvignon vengono premiati con la medaglia d’oro, e Giancarlo Sacchet vince il premio come miglior enologo al mondo, il primo Italiano a fregiarsi di questo titolo. Nel 1998 il Farnito Cabernet Sauvignon entra nella lista dei migliori 100 vini al mondo nella classifica di Wine Spectator; questo si ripeterà per ben altre 3 volte con il Nobile di Montepulciano Riserva che raggiungerà l’undicesima posizione. 

Il 1998 segna un altro grande anno con la messa a dimora dei primi 10 ettari di vigneto ad alta densità nella tenuta del Vino Nobile dove – fin dall’inizio – verrà svolta un’agricoltura fortemente orientata alle basse rese, con una proporzione produttiva di una bottiglia per vite. Quei dieci ettari oggi hanno raggiunto una superfice di quasi 100 ettari, stabilendo uno dei primati agricoli italiani, ovvero probabilmente il più grande impianto a corpo unico ad alta densità d’Italia.

Il 1998 segnerà la nascita del Poggio Sant’Enrico – primo Sangiovese in purezza prodotto nel territorio di Montepulciano – che darà il via ad un più ampio progetto di valorizzazione di alcuni Cru dando così origine agli Appodiati di Carpineto. 

Oggi le famiglie Sacchet e Zaccheo lavorano insieme gestendo 5 tenute, 500 ettari di terra, tutti coltivati in modo sostenibile e a bassissimo impatto ambientale con emissioni zero. Caterina Sacchet è l’enologa che eredita dal padre non solo un grande patrimonio di conoscenze ma anche una forte passione per la terra. 

Carpineto è la storia di due amici e delle loro famiglie, uniti da un comune amore per il sangiovese e da un forte desiderio di partecipare al rinascimento del vino in Toscana. Oggi continuano il loro sogno di produrre i vini che amano, apprezzati in 70 paesi in tutto il mondo. 

Produzione

I prodotti Carpineto sono il risultato dell’utilizzo di tecniche avanzate, fondate sulla scienza della viticoltura e dell’enologia, e una consolidata “cultura del territorio”.

Circa il 95% dell’intera produzione è composta da vini rossi, e la maggior parte di questa è costituita da vini che sono invecchiati tre anni o più, prima del loro rilascio. Ad oggi Carpineto mette in commercio circa 3 milioni di bottiglie: vini che esprimono i profumi e le caratteristiche del territorio in cui nascono, e si conservano vivi e fragranti per molti anni.

La Storia di Carpineto

Chiedici di più

francobollo








    Acconsenti al trattamento dei dati personali secondo la legge italiana sulla privacy necessari a Carpineto S.R.L. solo ed esclusivamente per la gestione della richiesta.Leggi l’informativa sulla privacy richiedente informazioni.