Dogajolo: storia di un’intuizione

La storia del Dogajolo, uno dei prodotti di punta della produzione di Carpineto, ha origini lontane. Dal 1993 si fonda su una solida amicizia: quella tra Carpineto e Jacques’ Wein-Depot, fondatore della storica e omonima enoteca in Germania.

Proprio durante uno dei tanti scambi di vedute Jacques dichiarò, vista la sua esperienza nel settore, che i vini di Carpineto sarebbero stati acquistati da un pubblico che li avrebbe consumati nel giro di poche settimane. Anche quelli che prevedevano un lungo affinamento e che quindi avrebbero potuto godere di un lungo periodo di invecchiamento prima di essere consumati. Era quasi un ossimoro: Super Tuscan consumati in fretta. Nacque così l’idea di sperimentare dei Super Tuscan da consumare giovani, i cosiddetti Baby Super Tuscan. Vini da consumare non solo in occasioni speciali, ma anche in occasioni più casual. I grandi investimenti che vennero fatti da Carpineto proprio in quegli anni, portarono a dedicare una parte dei nuovi vigneti per la produzione di questa tipologia di vini.

Quali dogajolo?

Il Dogajolo Rosso è un blend di 70% Sangiovese, 30% Caberner Sauvignon, vini eleganti ed equilibrati, buona struttura e leggero affinamento in legno. Un successo! Nel 2009 nasce il Dogajolo bianco, blend di Chardonnay, Sauvignon Blanc e Grechetto, fresco, minerale e totalmente rappresentativo non solo della toscana bianca ma anche dell’azienda. Il Dogajolo Rosato è un Sangiovese 100% secco e dai sentori di fiori e frutta.

Le splendide etichette

Con il tempo, oltre a creare una line up completamente dedicata al progetto, si è dato particolare rilievo anche alle etichette, uniche ed eleganti nel loro genere perché rappresentano i boschi di querce che circondano i vigneti in autunno, i fiori di acacia e rose selvatica e frutti di bosco.

Abbinamenti

La scelta di rivolgersi ad un target che volesse consumare quasi nell’immediato questa tipologia di vini, ha portato anche a rivedere gli abbinamenti; non più solo grandi piatti della tradizione toscana e non, ma anche aperitivi, light lunch, pizza e portate versatili e facilmente replicabili anche a casa. Il Dogajolo, inteso come linea, è un vino familiare, che favorisce la condivisione e lo stare bene insieme. Toscani amichevoli e piacevoli, adatti a tutti i tipi di palati e capaci di farsi apprezzare in Italia così come all’estero.

Ecco la forza di Carpineto: saper rivedere i propri progetti, accontentare tutte le fette di mercato e affermarsi come azienda familiare, con una visione precisa e strutturata che può cambiare con gli anni ma i cui valori restano solidi e affidabili.