Il cuore di Toscana: viaggio nel Chianti Classico

Parlare del vino in Toscana non può far altro che far volgere il pensiero a una delle storiche denominazioni del territorio: il Chianti Classico. A maggior ragione per un’azienda come la nostra, che nasce proprio tra le verdi colline di Greve in Chianti.

Chianti Classico e Chianti Classico Riserva sono, da sempre, due dei nostri fiori all’occhiello. Cui si è aggiunto, da qualche tempo, il vertice di questa piramide già di per sé qualitativamente elevata: il Chianti Classico Gran Selezione. Andiamo a conoscerli più da vicino, in un viaggio che ci condurrà nella storia e nelle tradizioni di questo territorio che, nel 1716, il Granduca di Toscana Cosimo III de’ Medici indicò proprio come Chianti Classico.

Partiamo dal Chianti Classico d’annata: Sangiovese (per la maggior parte, come da disciplinare) e Canaiolo vengono vinificati per poi maturare dapprima brevemente in botti di rovere – così da conferire ricchezza e complessità al sorso e poi  in recipienti di acciaio e cemento vetrificato, per essere successivamente affinato in bottiglia. Al naso sono evidenti tutti i sentori tipici del Sangiovese: fiore di mammola, viola, frutto di bosco, mora, lampone, che definiscono un vino intenso, vinoso, dai sentori netti e ben distinguibili.  La buona struttura del sorso rende il Chianti Classico perfetto compagno di viaggio per arrosti, selvaggina e – soprattutto – carni alla griglia. Abbinamento territoriale per eccellenza: quello con la pappa al pomodoro.

Fatto maturare in botti di rovere di diversa capacità per più di un anno, cui segue un lungo affinamento in bottiglia, il Chianti Classico Riserva è un vino elegante, strutturato, corposo, persistente. Al colore rosso rubino intenso, con riflessi granati, corrispondono sentori netti ed equilibrati, che vanno dalla croccante frutta rossa ai tostati, alla vaniglia, al pepe, agli accenni di cacao e caffè. Sorso lungo e vellutato, con un tannino che ben si equilibra con l’acidità, il Chianti Classico Riserva è vino da selvaggina, pappardelle al cinghiale e grandi arrosti, da servire a temperatura di 18-20 gradi centigradi.

Ed eccoci dunque al vertice della piramide. Al Chianti Classico Gran Selezione, prodotto di assoluta eccellenza nel panorama della viticoltura toscana e internazionale. Maturato in barrique da 225 litri di rovere francese per circa 18 mesi, il vino viene poi imbottigliato senza subire alcun trattamento o filtrazione. Processo che restituisce appieno la complessità e la struttura del sorso, con profumi intensissimi di frutti di bosco, vaniglia e spezie. Il Chianti Classico Gran Selezione si presta ad un lunghissimo percorso evolutivo, grazie alla sua spiccata longevità. Perfetto per l’abbinamento con un altro grande classico: la bistecca fiorentina.

Acquista i nostri Chianti Classico su: carpinetoshop.com